Post sull'argomento: tagli particolari

Blog


Con il passare degli anni ho sviluppato un occhio critico nei confronti dell'arte abbinata al contesto e all'arredo.

Quando entro in una casa, la prima cosa che faccio è osservare le pareti, e così di cercare di capire i gusti delle persone che vi abitano. Chiaramente non sempre si sposano con i miei, ma nonostante questo, se gli accostamenti sono giusti, non posso dire che siano brutti.

Per esempio, mi è capitato di vedere un mio quadro dai toni verdi accesi, catapultato in una stanza con pareti fuxia e complementi rossi. Ecco, una pugnalata al cuore, ma è anche vero che ognuno a casa sua fa quello che gli pare, e se questa persona ama l'abbinamento del verde mela, assieme a un bel fucsia e un rosso ferrari, chi sono io per dirgli che deve cambiare tutto?

Questo sarà un blog di consigli, secondo alcune tecniche base su come fare abbinamenti cromatici. Partiamo dai colori primari, quali, rosso, giallo e blu, mescolandoli si ottengono i colori secondari che sono, arancione, ottenuto dal mix rosso e giallo, il verde con il blu e giallo, e il viola tra il blu e rosso. Mescolando colori primari con secondari si ottengono i colori terziari.

Poi possiamo dividere i colori caldi (rosso, giallo, arancione) e i colori freddi (viola, blu, verde). I primi sono abbinati al cuore, all'amore, al fuoco, alla passione, e per questo motivo accelerano anche se di poco, il battito cardiaco, e danno l'impressione, di vederli avvicinarsi verso di noi, a contrario succede con i colori freddi, infatti l'effetto che danno è quello di allontanarsi da chi li osserva. I colori freddi però hanno la capacità, non da poco, di calmare, e rilassare.

E il bianco e il nero? Loro sono colori a parte, sono considerati neutri, assieme alle loro molteplici gradazioni, come il grigio, tortora, panna ecc.. E mischiati agli altri, hanno la potenzialità di cambiare luminosità del colore a cui vengono abbinati.

ruota_colore

Queste sono proprio le basi, poi grazie alla ruota dei colori sarà molto semplice fare abbinamenti cromatici seguendo gli schemi: monocromatici, analogi, complementari e triade

Tutto chiaro?

A questo punto vi invito a leggere come penso si possano abbinare i miei quadri a pareti e arredi, ma sia chiaro, fate della vostra casa un posto unico e soprattutto, come piace a voi, senza schemi e regole, qui, troverete solo consigli! ;)

 

Pubblicato il da

Perchè scegliere un quadro multi pannello?

Leggi tutto il messaggio: Perchè scegliere un quadro multi pannello?

I quadri multi pannello, ossia quelli composti  da due o più elementi componibili, sono i protagonisti dell’arredo contemporaneo. Perfetti per grandi pareti in un ambiente con arredo minimalista, elegante, eccentrico, insomma, si adattano ad ogni stile

Il punto di forza di un quadro a più moduli è sicuramente la capacità di creare asimmetrie e dare un effetto diverso alla rigidità dell’arredo, cosa che non è in grado di fare un quadro classico ad un solo elemento. Confrontandoli infatti, salta subito all’occhio un quadro a più elementi, questo perché da ritmo ed eccentricità allo spazio.

Non tutti i soggetti però si addicono ad un quadro multi pannello, è quindi fondamentale il parere dell’artista per capire se è sua intenzione creare un effetto visivo in accordo con il soggetto e la sua dinamicità.

 

blu_mare_okI

Prendiamo in esempio il mare come soggetto, può essere adattato ad un singolo elemento o a più pannelli. 

Mentre un quadro rettangolare o quadrato composto da un singolo elemento, da allo spettatore un punto di vista tradizionale, creando, a seconda della luce e dai colori del soggetto, diverse emozioni come serenità, ansia o solitudine, se decidessimo di scomporre in più pannelli lo stesso soggetto, avvertiremmo un’ondata emotiva amplificata, perché l’orizzonte diventa più grande, occupa non solo i pannelli dipinti, ma anche lo spazio tra un elemento e un altro, avvertendo il mare come un elemento più vicino e vivo, quasi come esserci immersi. 

Si può così affermare che un quadro con più elementi da un effetto inclusivo, quasi invedente. Chi si trova a guardare questo tipo di opere, si perde nel guardare le linee, si deve soffermare ad ammirarla poiché l’insieme dei pannelli necessita di un lavoro di ricostruzione dell’immagine, e in questo modo, ti travolge maggiormente.

Un multi pannello, necessita di uno spazio ampio per svilupparsi adeguatamente. Ciò non toglie, che con la giusta scomposizione, anche un ambiente con dimensioni ridotte, possa trarne vantaggio, sembrando così più ampio e particolare.

Il compito dell’artista, quando realizza un quadro con più elementi, è quello di togliere un confine all’immagine, ed è quindi fondamentale, per chi lo istalla, seguirne fedelmente le linee e i movimenti. Si tratta di un’opera scomposta, ma che vive come un tutt’uno, come fosse legata da un filo invisibile.

 

 

tulipani_bianchi_sfondo_arancio_verde_120x60
 

Con un quadro floreale diviso in pannelli diversi, si avrà la sensazione di essere immersi nella natura, quasi da coglierne il profumo.

Il quadro in esempio da l'idea di trovarsi in un campo di fiori, seppur ce ne siano ritratti soltanto cinque. La magia di un quadro multi pannello è che da un immaginario molto più ampio di quello dipinto.

 

 

 

astratto_azzurro_e_oro_C

 

Mentre per quanto riguarda un astratto, se già molto moderno nelle linee e nei movimenti artistici, la divisione in più pannelli, donerà all'opera eccentricità e unicità. 

La novità di nuovi quadri a più elementi, sono gli incastri, composti da forme non più classiche come quadrato o rettangolo, ma geometrie a forma di C, di L, di T, insomma, un'ampia scelta per chi desidera uno di questo quadri.

Cercali qui: quadri Forme particolari

 

 <-- Ecco un esempio qui affianco

 

 

Giotto-Polittico-Baroncelli-1330-ca.-dalla-basilica-di-Santa-Croce-cappella-Baroncelli-Firenze-Fondo-Edifici-di-Culto-Ministero-dell_8217_Interno-696x411

Ecco una curiosità dei quadri multipannello:

Questa tipologia artistica non è una novità dell’arte moderna, ma ne troviamo esempi già nel Medioevo

Questi  quadri, detti Polittici, sono una forma d’arte sacra costituita da singoli pannelli separati e racchiusi da un'unica cornice.

Questo è un esempio di Giotto: Polittico Baroncelli 1330ca.

 

 

 

Infine si può affermare che se fino a poco tempo fa, un quadro doveva essere scelto per le emozioni che trasmette, le sue linee ed il soggetto, ora i quadri sono diventati parte fondamentale dell’arredo, per questo un’opera composta da pannelli divisi, è ideale per dare un’idea di arredo con linee movimentate, moderne, affascinanti ed eleganti. E se questo è l’effetto che vuoi ottenere per i tuoi ambienti, scegli un quadro “scomposto”.

Guarda i quadri multipannello Artaminix:

Tutti i quadri composti da due elementi

Tutti i quadri composti da tre elementi

Tutti i quadri composti da quattro elementi

Tutti i quadri composti da cinque elementi
 
Tutti i quadri composti da sei elementi
 
Tutti i quadri composti da pannelli particolari

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: elementi, tagli particolari